Il pieno di espresso

diverse-architetture-cafetorbido-02

L’avventura di un fotografo-designer e di un architetto che hanno trovato una nuova opportunità di lavoro e di vita nella ristorazione e nella cucina

 


Testo: Dalila Mantovani
Foto: Lorenzo Linthout

Si raggiunge il Cafè Torbido percorrendo la circonvallazione da Ponte Aleardi a Corso Venezia (via Francesco Torbido), proprio all’incrocio con via Bassetti dove si trova una delle stazioni di servizio più frequentate della zona. Dalla posizione potrebbe sembrare il classico negozio-cassa del distributore – forse un tempo lo era – ed è invece oggi uno dei locali di maggior tendenza e più frequentati della vita notturna veronese.
Il luogo è decisamente insolito, ricco di suggestioni metropolitane, inglobato com’è tra elementi di infrastrutture urbane – la circonvallazione, il parcheggio e il distributore – e sembra riprodurre una atmosfera che si addice più alle capitali del Nord Europa che alla nostra benestante-benpensante città. Una volta entrati, la naturale concezione di “caffè” viene abbastanza stravolta: la struttura è rimasta quella originaria, con finiture poco accurate e una saracinesca come porta, ma lo spazio è arricchito da una serie di arredi ritrovati o riciclati che caratterizzano il locale. I pezzi e gli stili sono i più vari: troviamo accostati vecchi tavoli di legno da cucina, sedie anni ‘60 di materiali e colori assortiti, un grande specchio barocco, una macchina da cucire Singer utilizzata come porta oggetti, un vecchio pianoforte a muro, lampade e luci industriali…

 

 

I gestori del locale (Francesco Martinelli e Luca Bono) hanno in comune una grande amicizia, la passione per l’arte, la musica, la buona cucina e l’attenzione i fenomeni urbani. Provenienti da background diversi – Francesco ha studiato arti visive e Luca è architetto – hanno lavorato in vari settori approfondendo le loro passioni. Francesco ha collaborato come fotografo, designer e critico musicale con l’opportunità di vivere e visitare le grandi capitali europee; Luca ha sviluppato diverse esperienze come architetto a Venezia e Milano, continuando a tenere un piede nella ristorazione e coltivando la passione per la cucina dagli insegnamenti della madre. In questo momento di grande difficoltà, soprattutto per l’arte e l’architettura, hanno scelto di aprirsi una nuova opportunità con la gestione di questo locale ed esprimere sé stessi attraverso la ristorazione e la cucina.

 

 

Abituati ad essere flessibili e dinamici, hanno dato finalmente un nome e un luogo a un progetto che era sempre rimasto latente. Francesco ha studiato l’arredamento del locale tra object trouvé e pezzi realizzati su misura, si occupa dell’organizzazione e della gestione del locale, sceglie la musica – spesso dal vivo – che è sempre protagonista assoluta. Luca è il cuoco e propone principalmente piatti della cucina tradizionale reinterpretati; sostiene che il progetto di un piatto sia come lo sviluppo di un progetto architettonico: si parte dallo studio delle materie prime, si imparano le loro caratteristiche, si trova l’accostamento migliore e infine si procede alla composizione (del piatto).

 

 

Oggi questa esperienza gli sta offrendo maggior soddisfazione che quella di architetto, trovando nella realizzazione di un piatto una gratificazione e un appagamento immediato, cosa che dimora diversi mesi rispetto ai tempi biblici per la realizzazione di un progetto architettonico. La loro idea di locale alternativo, dal carattere metropolitano e lontano dal centro, non poteva che nascere in un luogo come questo. Sensibili e attenti – per formazione o vocazione – ai movimenti urbani, li ha affascinati fin dall’inizio la sfida di ridare vita e nuova identità a uno spazio di risulta, immaginandolo come un catalizzatore per nuove attività. L’attenzione su questa area era già stata dimostrata da Luca durante la sua tesi di laurea, la quale proponeva nuove idee per ri-utilizzare, all’interno di Verona, questi luoghi di risulta, o nonluoghi, come fulcri per la rigenerazione urbana. Ripartire dai luoghi dimenticati, da leggere e interpretare con una buona dose di creatività come fa il Cafè Torbido, dimostra di essere un interessante esempio di versatilità: versatilità del lavoro e versatilità di interpretazione degli spazi, che potrebbe portare a un interesse da parte di tutti i cittadini per avere, nella nostra città, meno “spazi fantasma” e una maggior scelta di “luoghi da vivere”. 

 

 

 

Nome
CAFÈ TORBIDO


 

Luogo
VERONA


 

Attività
ARTE, MUSICA, CUCINA


 

Contatto
FACEBOOK. COM/CAFETORBIDO